Menu
Uncategorized

Impariamo a meditare nel caos quotidiano

Ok, abbiamo acquistato il nostro tappetino da meditazione, abbiamo letto libri, visto video, ascoltato guru e da un po’ abbiamo iniziato a meditare…

Quando ci si approccia alla meditazione il passo più difficile è sicuramente quello di avere costanza, ma come ci continuano a ripetere tutti i più grandi esperti è proprio la costanza che ci porta i più grandi benefici. Sembra una banalità, ma io per primo mi dimentico di meditare, nonostante pratico la meditazione da circa 10 anni.

Questo accade perchè meditare significa riuscire anche per un piccolo istante ad interrompere quel costante flusso di pensieri incessante che riempie costantemente il nostro spazio…pensieri sul futuro, sulle bollette, sul covid, sul lavoro, su Mario Draghi, sul risotto che dobbiamo preparare per cena, sulla frase che ci ha detto quell’amico, ecc…; noi viviamo costantemente all’interno di quei pensieri e guarda un po’, è proprio quella mente che noi vorremmo mettere a tacere che dovrebbe decidere per qualche minuto di “non esistere”.

Per questo proprio nei momenti in cui ne abbiamo più bisogno rimandiamo “in questo momento non ho proprio la testa per pensare anche a meditare”, quando forse il motivo per cui non “abbiamo la testa” proprio perchè abbiamo meditato poco.

Questi discorsi li avrete sentiti migliaia di volte e diamo per buono che da un po’ hai deciso di dargli retta, hai iniziato a meditare con costanza, magari 20 minuti appena sveglio . Ti sei accorto che durante la meditazione il tuo respiro rallenta, che appena riapri gli occhi ti senti più presente, più “dentro” la tua vita, ma ti sei accorto anche che questi benefici finiscono appena sei in ritardo e uno stronzo inchioda mentre il semaforo è arancione, o appena leggi quel commento su facebook di quella “falsa” che pubblica frasi sulla sincerità…”proprio lei, ma non si vergogna!”.

Mentre ti incazzi ti ricordi che dovresti mantenere la calma, “sto facendo un percorso di consapevolezza ed ho appena urlato ad una vecchina strombazzando col clacson”, questo fa aumentare il senso di colpa e boom…addio benefici della meditazione.

Quello che ho imparato e che cerco di applicare, a volte con fatica, è che imparare a meditare significa estendere quello che facciamo ad occhi chiusi in cameretta con il sottofondo di un flauto newage, a tutto il resto della giornata. Concentrarsi sul proprio respiro, sentirsi presenti, essere completamente concentrati sul qui ed ora dovrebbe essere lo scopo principale di chi si approccia alla meditazione, soltanto che ci dimentichiamo di farlo quando abbiamo finito i nostri 20 minuti giornalieri.

A volte basta davvero concentrarsi per 3 secondi sul respiro, cercando di portare tutta l’attenzione su di esso per ritrovarsi a vedere le cose con più pace e consapevolezza. Si tratta di perdere il controllo sui pensieri per riconquistare il controllo delle nostre scelte. A quel punto io posso decidere se dare retta al pensiero che mi dice “incazzati con questa vecchietta che non si sposta!” o semplicemente rallentare.

Un esercizio molto figo che ho imparato è quello di mettere una sveglia al cellulare in un momento specifico della giornata. Io l’ho impostata alle 16 e 30, appena suona la sveglia mi ricordo di essere completamente concentrato su quello che sto facendo, senza farmi trasportare dai pensieri. Questo esercizio ha una sola regola, quando mi dimentico che sto facendo l’esercizio non posso più tornare a farlo e devo aspettare il giorno successivo. Le prime volte il mio stato di “meditazione ad occhi aperti” durava meno di 10 secondi, e poi iniziavo a pensare ad altro. Adesso riesco a restare in quello stato per molto più tempo e mi accorgo di meditare anche quando faccio altre cose in altri momenti della giornata, ad esempio adesso…

Di seguito ti posto una meditazione guidata che ho realizzato qualche tempo fa, se ti va provala fammi sapere che ne pensi.

Qui di seguito puoi trovare alcune meditazioni che ho composto:

About Author

Spiritualità, Meditazione, Natura.

No Comments

    Leave a Reply