Menu
Riflessioni

Facciamo davvero parte della natura?

L’American Heritage Dictionary definisce la natura in molti modi, tra cui: (1) Il mondo degli esseri viventi e della vita all’aria aperta: le bellezze della natura. (2) Uno stato di esistenza primitivo, incontaminato e non influenzato dalla civiltà o dall’artificialità. Sembra esserci un conflitto tra queste definizioni. Se la natura è il mondo degli esseri viventi ed è uno stato di esistenza primitivo, incontaminato e non influenzato dalla civiltà, allora che cos’è l’umanità? Facciamo parte della natura o la natura è ciò che non è toccato e non è influenzato dall’uomo?

La salvezza del mondo è nella natura selvaggia.

Henry David Thoreau

Penso che per la maggior parte di noi le cose naturali siano cose che esistono indipendentemente dall’esistenza dell’uomo. Quando i pubblicitari ci dicono che gli ingredienti nella loro nuova bevanda sono completamente naturali, stanno implicando che il prodotto non è stato realizzato in un laboratorio, non è artificiale.

Quando i semi diventano piante, un leone uccide e mangia un cervo, una stella cadente attraversa il cielo notturno, definiamo questi eventi naturali, incontaminati e non influenzati dall’umanità. La natura, nel suo insieme, è autosufficiente, sebbene alcuni eventi naturali possano essere molto distruttivi. L’era glaciale, che distrusse la vita sulla terra com’era all’epoca, fu molto distruttiva, sebbene la vita stessa sopravvisse.

La Vera natura dell’uomo

Una cosa che sembra distinguere l’umanità da tutti gli altri aspetti della natura è la nostra capacità di scegliere. Possiamo essere autosufficienti o possiamo scegliere di essere autodistruttivi. Dato che siamo nati con la capacità di scegliere, questo significa che la capacità dell’uomo di scegliere fa parte della natura universale? Se la natura dell’umanità è una parte della natura universale, allora l’auto-sostenibilità della natura è una scelta, non un dato. L’umanità può scegliere di mettere troppi agenti chimici nel nostro suolo, privandolo della sua naturale capacità di coltivare piante. L’umanità può scegliere di inquinare i nostri fiumi e laghi rendendoli incapaci di sostenere la vita acquatica. L’umanità può scegliere di essere una forza distruttiva per la natura, un presecutore della natura o persino un partner . Quando gli scienziati alterano la genetica all’interno dei semi per produrre frutti più grandi, si potrebbe dire che stiamo collaborando con la natura, sebbene molti non siano convinti che intromettersi nella genetica sia salutare o saggio. Quando gli agricoltori usano fertilizzanti sintetici e pesticidi per aiutare a far crescere i loro raccolti più velocemente, in realtà stanno facendo un’ingiustizia alla natura del suolo, poiché nel tempo il suolo perderà la sua capacità di essere coltivata. A volte l’umanità crede di poter fare la natura meglio della natura. Stupidità nella migliore delle ipotesi, arroganza nella peggiore.

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata.

Albert Einstein

Se la natura della natura è la sua innata capacità di sostenersi, allora l’uomo può scegliere di essere “innaturale”. Alcuni direbbero che è nella natura dell’umanità essere distruttivi, fare la guerra, mettere i propri interessi al di sopra degli altri. Dicono che è nella natura dell’umanità essere egoista. Eppure ci sono quelli che scelgono la pace sulla guerra, la compassione sulla vendetta, la salute e la sicurezza degli altri. Allora qual è la vera natura dell’uomo? L’uomo infatti può scegliere la sua natura. Può scegliere di mettere la natura al di sopra della sua o di distruggere la natura per il proprio interesse personale.

Non ho risposte ma ho deciso di raccogliere alcune domande che continuo a pormi:

Fa parte della natura umana che uomini e donne siano fisicamente attratti da altre persone dello stesso sesso? È nella natura umana che una donna cerchi un aborto per fermare una gravidanza indesiderata? È nella natura umana uccidere qualcuno che ha tolto la vita a un altro? Nella misura in cui l’umanità può scegliere la propria natura, le domande più grandi sono: puoi essere felice in un mondo che accetta l’omosessualità, l’aborto o la pena capitale? In che tipo di mondo vuoi vivere? A differenza di tutte le altre parti della natura, l’uomo è il creatore della sua natura, della sua stessa realtà.

Poiché sembra che abbiamo il potere di scegliere la nostra natura, è possibile utilizzare la natura universale per guidare le nostre scelte? Come accennato, la natura è autosufficiente. Con questo in mente, le scelte che hai fatto nella tua vita stanno portando alla sostenibilità della tua vita e della vita della società? Le scelte che la nostra nazione ha fatto hanno portato alla capacità della nostra nazione di sostenersi e le nostre scelte aiutano a portare alla sostenibilità di tutte le nazioni? La tua esperienza di vita funziona come funziona la natura o le tue scelte ti hanno portato a finali infelici? E le nostre decisioni a livello nazionale? Hanno portato a un mondo più stabile?

Credo che, alla fine, la nostra stessa natura interiore sia una parte della natura universale e se ascoltiamo il nostro io interiore faremo scelte giuste. È quando facciamo scelte basate sull’interesse personale, non tenendo conto dell’impatto che tali scelte possono avere sugli altri, che ci troviamo a fare scelte innaturali, che spesso portano a conseguenze indesiderate. In breve, per essere parte della natura, dobbiamo scegliere di esserlo. Se scegliamo la natura del nostro io interiore, il mondo dell’uomo inizierà a riflettere la natura universale che ci sostiene.

About Author

Spiritualità, Meditazione, Natura.

No Comments

    Leave a Reply